Facciamoci una domanda. O due…

Giu 23

Facciamoci una domanda. O due…

Ieri mi sono comportata male nel cosmo.

Ho passato tutto il giorno senza fare domande,

senza stupirmi di niente.

Ho svolto attività quotidiane,

come se ciò fosse tutto il dovuto.

(da Wisława Szymborska, Disattenzione)

Quando avvio i miei corsi, i primi obiettivi che dichiaro di voler raggiungere insieme ai giovani studenti sono due, per cominciare. Poiché devo insegnare loro i fondamenti della codicologia, quindi di una disciplina che si occupa di epoche e di libri antichi, la prima questione da affrontare è la conoscenza e l’uso delle fonti storiche.

Per comprendere come scegliere e interpretare le fonti che potrebbero essere utili alla nostra ricerca, è importante imparare a interrogarle. Ed è vitale imparare a fare domande, a farsi domande per sapere che cosa cercare.

Read More

Abuso di memoria

Giu 16

Abuso di memoria

Cari i miei dieci lettori,

pur immaginando che non abbiate sentito la mia mancanza, vorrei scusarmi per la prolungata assenza da questi schermi. Torno a scrivere sul blog perché vorrei portare alla vostra attenzione alcuni argomenti che mi sono a cuore.

Vedo, sento, percepisco il bisogno (l’urgenza), il mio e quello di persone che conosco e incontro, di ricominciare da capo, di avere risposte ma anche di potermi procurare gli strumenti per fare domande, cioè per osservare con spirito critico ciò che stiamo vivendo e quindi reagire con efficacia.

Per questo, ancora come sempre ho fatto, insisto con il dire che è necessario ripartire dalla cultura, la cultura intesa come conoscenza e consapevolezza di sé e della complessità della realtà. Di più, vado oltre e vi annuncio che sto per parlare di storia.

Read More

Dei molti fascismi

Giu 24

Dei molti fascismi

Il fascismo che oggi è al governo non è altro che lo specchio della società. Non è vero che gli italiani non sono così. Certo che sono così, altrimenti come si spiega?

Non tutti gli italiani, è chiaro, epperò non sono questi ultimi ad aver vinto le elezioni, e a dirla fino in fondo non riescono nemmeno a trovare una degna rappresentanza dei loro principi, delle loro istanze, necessità…

Per quanto minoranza, si continua a lottare per ciò che si crede giusto per la società, per la propria comunità, per l’Italia, per le singole città, per i paesi più piccoli, i quartieri, e via così.

Read More